La stampa fine art è un tipo di stampa, in questo caso a getto d’inchiostro, dove tecniche di postproduzione, strumenti di calibrazione e carte ed inchiostri di pregio contribuiscono a ottenere una qualità superiore sia a livello visivo che tattile, destinata a durare nel tempo.

È frutto di un processo artigianale compiuto con strumenti digitali, antico perché l’apporto dei materiali e dello stampatore è ancora fondamentale, attuale perché la tecnologia garantisce il livello del prodotto.

Il processo parte dalla lavorazione del file digitale, che sia un file prodotto da una fotocamera digitale (quindi jpeg, o ancora meglio raw) oppure una scansione di una pellicola, negativa o diapositiva.

Successivamente viene scelta la carta più adatta per esaltare la resa dell’immagine, che potrà essere lucida, semilucida oppure opaca a seconda della “sensazione” che la fotografia vuole trasmettere a chi guarda.

Per questo può essere molto d’aiuto vedere la stessa immagine riprodotta su vari tipi di carte.

La prova di stampa serve a togliere ogni dubbio, e dà la soddisfazione di avere “in mano” il risultato finale, l’immagine come verrà stampata.

Nel processo di stampa si usano tutti gli accorgimenti utili a salvaguardare il valore estetico dell’immagine e a valorizzarne la fruizione. Gli strumenti di calibrazione servono a creare dei profili colore sia per il monitor sia per i vari tipi di carta. Questo permette di ottenere una corrispondenza tra la foto a video e quella su carta, cosicché il processo di “interpretazione” venga svolto al meglio.

La fase di stampa e di imposizione (montaggio sul foglio) vengono demandate a un RIP (Raster Image Processor), software che, in integrazione con uno spettrofotometro professionale garantisce l’accuratezza dei toni e del colore.

Una volta decise resa e carta si passa alla stampa vera e propria, che può arrivare fino a 44 pollici (1,12m) come lato corto della dimensione. Grazie al plotter Epson 9900 equipaggiato con 11 inchiostri Ultrachrome K3 HDR e alle carte Canson Infinity e Hahnemule (anche 100% cotone) è possibile ottenere stampe che risultano eccellenti dal punto di vista visivo, con bianchi e neri neutri, e una durata in media di 85 anni.

Le carte che usiamo abitualmente:

Possiamo trovare praticamente ogni tipo di carta fotografica.

Per ogni informazione o per avere un listino contattateci.